LIBRI BOTANICI - GRUPPO BOTANICO MILANESE Botanica Fiori Micologia

Vai ai contenuti
Il Prof Stefano Mancuso è Direttore del Laboratorio di Neurobiologia vegetale presso l’Università di Firenze, dove attualmente insegna. E’ anche il fondatore di International Society for Plant Segnaling and Behavior. Nel 2013 il giornale americano New Yorker ha inserito il Prof Mancuso nella classifica dei “world changers”. Il libro è scritto in collaborazione con la divulgatrice scientifica Alessandra Viola.
Nei cinque capitoli del libro VERDE BRILLANTE seguiamo un percorso nuovo, una filosofia di pensiero innovativa e lontana dagli schemi tradizionali. Siamo introdotti a considerazioni prima impensabili.
Lo schema narrativo è forse quello della classica anatomia vegetale, si parte dalle radici per arrivare al fusto e terminare con semi e fiori. Ecco i capitoli nell’ordine di presentazione:1 alle radici del problema 2 la pianta questa sconosciuta 3 i sensi delle piante 4 la comunicazione delle piante 5 l’intelligenza vegetale.
Attraversando la storia conosciuta si parte dal terzo giorno della Genesi nella Bibbia, e attraverso i grandi libri scritti da Charles Darwin sulle piante fino ai più recenti studi di neurofisiologia vegetale per arrivare infine a riconsiderare gli alberi alla luce della definizione, e conseguenti dimostrazioni rigorosamente scientifiche, che l’intelligenza è la capacità di risolvere i problemi.
Un racconto avvincente fatto di anelli storici che si incontrano e si ripetono e ci portano a vedere il mondo degli alberi in una nuova luce.
“Il Regno vegetale è un ingrediente fondamentale nella vita sulla terra, è un enorme dono fatto all’uomo e alla sua intelligenza”
Questa semplice affermazione del prof Mancuso ci fa riflettere, pensare e ripensare al futuro che verrà, alle decisioni che cambieranno gli ambienti e le popolazioni animali, ricchezza della biodiversità. Infine una frase del grande scienziato indiano Chandra Bose (1858-1937) ci offre lo spunto per nuovi comportamenti più responsabili e rispettosi della sostenibilità ambientale.
“Questi alberi hanno una vita simile alla nostra, mangiano e crescono, affrontano la povertà, si addolorano e soffrono. Possono rubare ma anche aiutarsi gli uni con gli altri, sviluppare amicizie, sacrificare la loro vita per i propri piccoli. ”
Questo messaggio di solidarietà che ci insegnano le piante è certamente un nuovo modo di guardare il mondo che viviamo ogni giorno. Grazie al Prof Mancuso di queste riflessioni che renderanno domani il nostro pensiero più saggio e solidale.
giorgio galli
galligiorgio@fastwebnet.it
Torna ai contenuti